lunedì 7 settembre 2009

Cancro si, influenza no.



Dalla spiaggia, lontana 30 chilometri da Caserta, mi sono accorta della nube nera. "Starà cambiando il tempo", mi sono detta. Ma in cuor mio sapevo che non era così. La nube era troppo nera, dai contorni troppo nitidi e con un preciso punto di origine. Ormai i cittadini del casertano sono diventati espertissimi di roghi. Sulla strada del ritorno, avvicinandomi a Caserta, mi auguravo ancora di sbagliarmi. Il fumo nero appariva minaccioso tra le foglie degli alberi e poi tra i palazzi. Cercavo di non perderlo di vista per localizzarlo. Ad Aversa era impossibile perderlo; tutto il cielo sopra la città era nero e l'odore di plastica bruciata era fortissimo. Internet poteva aiutarmi. Un altro vasto incendio all'interporto Sud Europa, già sotto sequestro. L'area sorge accanto al Centro Campania, uno dei più grandi ipermercati del sud. Evacuati i parcheggi. Stamattina ero in cerca di notizie: tutti i principali quotidiani nazionali sembravano all'oscuro della notizia; Noemi, il Premier, l'influenza, un pò di sport. Com'è possibile? Ma non ho perso le speranze; mi aspettavo di trovare i cittadini casertani in rivolta, invece niente, molti non si erano accorti di niente, qualcuno ha pensato al solito rogo di rifiuti. Ma stasera sono già più tranquilla, lo Stato mi protegge e mi vaccina, il virus H1N1 non potrà colpirmi. Anche se, probabilmente, avrò il cancro.
Amaraterramia.

Io non ho paura delle discariche né degli inceneritori.
E non ho nemmeno paura dell’aria avvelenata.
Non temo la mia terra che brucia.
Io non ho paura di vedere morire uomini e animali.
Non ho paura di non avere più diritti.
Io ho solo paura di abituarmi a questo orrore.
La Repubblica
Metropolis
Il Mattino
La terra dei fuochi
Caserta c'è
video blog L'Espresso

23 commenti:

Anonimo ha detto...

Non è vero!!! Ce ne siamo accorti tutti!! e tutti abbiamo paura! ma che facciamo? a chi ci rivolgiamo?
Non leggi quante denunce fanno i comitati, i semplici cittadini, le associazioni ecc....?
Luigi

Anonimo ha detto...

D'altra parte dove vuoi leggerle queste notizie cara Graziella? Credi che non siano più importanti le dieci domande al premier che Repubblica ci rifila da 5 mesi? Vuoi che non sia più importante parlare di libertà di stampa ora che l'Unità è stata colpita nel segno? Vuoi che non siano più importanti gli elenchi dei giornali esteri amici dei comunisti italiani che ogni giorno rincretiniscono il lettore su impotenza si e impotenza no del cavaliere? Ma suvvia...Graziella. Cosa vuoi che sia una regione malata a causa di centenari illeciti ed abusi? Non interessa a nessuno. Repubblica, L'Unità, la Stampa, L'altro, e tra poco la serie infinita dello show televisivo invernale...darà il via alle danze.
Insomma deve confessare!!! Ce l'ha piccolo o grande? Confessi il cavaliere. E l'informazione italiana sarà servita. E con lei la brama dei presuntuosi.

Cordialmente
Roberto

Anonimo ha detto...

Io ero al Centro campano.
La gente scappava dai parcheggi coprendosi alla meglio la bocca.
una scena terribile.

Anonimo ha detto...

Il vaso di Pandora è scoperchiato! I mostri dilagano e menzogna la fa da padrona tra folle di mentecatti dallo stomaco e fegati di ferro in grado di triturare di tutto, anche il più indigesto dei pasti.
E c’è ancora chi sbandiera lo spauracchio del Comunismo nel paese che fa strame della democrazia.
In un mondo come questo gli stronzi sono protagonisti e la ribalta ne richiede costantemente presenza ed impiego...

Ectobius

ghetti marco ha detto...

In Campania in 24 ore sono stati appiccati 57 incendi dolosi,che impiegano 250 persone, tra volontari, pompieri e guardie forestali, oltre a tre elicotteri e un canadair. Il paesino di Carullo, di circa una settantina di case, corre rischi, in fumo 10 ettari nel parco del Cilento. Queste sono notizie lette sul quotidiano la Stampa, so per esperienza che non vanno prese per oro colato, spesso i giornali usano imformazioni parziali, forse deriva dal fatto che il giornale deve essere pronto, quando servirebbe magari maggior tempo per fare approfondimento. Roberto persevera, è sulla buona strada, ma è fatica inutile. Potrebbe usare la sua intelligenza in modo migliore, ne trarrebbe beneficio pure lui. Essere provocatori ha senso se vivi in un salotto, attorniato da amici, l'Italia va a fuoco, va a puttane, va ovunque, ma sempre di piu' verso il baratro. Non do' la responsabilita' al governo, se persone disoneste hanno acceso 57 fuochi, non si poteva evitare con un decreto, ma si possono fare leggi, punire seriamente coloro che lo fanno. Creare le condizioni per cui, coloro che lo fanno vedano vanificati i loro progetti. Dove brucia, mai diverra' edificabile, MAI!!! Spesso è questa la miccia che accende, dopo il fuoco si fanno case, villette.La legge serve per dare indicazioni anche di vita. Da noi ora l'unica legge è quella di chi ha il potere, ottenuto in ogni modo. Se vuoi vivere meglio, serve piu' morale, piu' deontologia,anche piu' informazione, lasciamo pure Feltri ai suoi lettori, ma diamo anche a coloro che lo detestano, di avere un giornale di riferimento, anche se scrive cose sgradite ai seguaci del primo ministro. PEACE AND LOVE.

graziella mazzoni ha detto...

In Campania, caro Marco, non si brucia per edificare. Perlomeno nella provincia di Caserta e di Napoli si bruciano rifiuti tossici per fare posto ad altri rifiuti.
(quasi tutti i pneumatici d'Italia sono bruciati qui)
La situazione è drammatica.

Anonimo ha detto...

Non faccio riferimenti e non mi ostino ottusamente a citare nessuno circa le sue opinioni.Ci mancherebbe. Mi limito a dire le mie e mi sento spesso nominato quà e là nei commenti e quindi rispondo. Dunque....
Feltri lasciamo ai suoi lettori. Giusto, giustissimo. Infatti si lasciano ai proprio lettori anche i giornalisti dei Repubblica, de L'Unità, del Riformista, del Corriere, de L'altro, tra poco anche quelli diretti da Travaglio, si lascia ai suoi lettori anche il blog di Grillo per eccellenza punto di riferimento per gli scontenti....insomma ce n'è per tutti. Poi uno sceglie, legge, riflette e si fa un'opinione. Ma sinceramente per me esiste una bella differenza tra una informazione politica ovvero una diffusione di critiche al governo, alle politiche adottate, a principi e valori, e altro invece è un accanimento teso a verificare la virilità di un politico o ad abbuffarci l'anima su escort e Noemi-gate. Questo dicasi attacco mediatico. Piaccia o non piaccia è così. Ora lo so....si replicheranno le risposte, Roberto taci perchè non puoi parlare, qui si parla solo noi...solo noi sappiamo tutto, solo noi ragioniamo, solo noi conosciamo, solo noi....solo noi come cantava Cutugno. D'accordo. Solo voi. Tranquillizzatevi. Quanto ad altri commenti sempre uguali su stomaco, fegato, milza, coratella...cosa dire?....

Buon ritorno dalle vacanze a tutti.

Cordialmente
Roberto

Anonimo ha detto...

ORE: 15.12
8 settembre 2009
Apprendo adesso la scomparsa di Mike Bongiorno.Quanti ricordi!! Che tristezza.

Saluti
Roberto

Anonimo ha detto...

Non mi sommuove nemmeno un po'.

Anonimo ha detto...

E' morto mike bongiorno:
SALUTE A NOI!

graziella mazzoni ha detto...

Il cinismo non mi piace.

Bigtotore ha detto...

L'ho visto anch'io. Ero sul Asse Mediano e volevo chiamare i Vigili del Fuoco, ma purtroppo avevo molta fretta per andare a lavoro (turno notturno) e ho pensato: qualcuno chiamerà sicuramente, è una cosa troppo vasta.
Ed infatti vi posso confermare che il fumo, passando anche per Aversa, si è sviluppato fino a Pozzuoli.
Poi non l'ho seguito più.
Cosa fare?
Seguo spesso laterradeifuochi ma sembra un sola noce nel sacco.
Una cosa molto IMPORTANTE credo sia dare le informazioni all'opinione pubblica. Informare è conoscenza.
INFORMARE PER RESISTERE.
Saluti

p.s.
x Graziella: Ho salvato il link al tuo blog. Da oggi ti seguirò spesso. Ancora saluti

graziella mazzoni ha detto...

per Bigtotore
benvenuto in questo spazio.
Condivido pienamente: conoscere e non abituarsi all'orrore. Ecco cosa fare.
Grazie ancora della visita.

Anonimo ha detto...

H guardat il video. Vogli far notare per chi non l'avesse ancora notato, i ragazzi sulle moto in un tratto di tangenziale o superstrada. Tutti rigorosamente senza casco e tutti a godersi lo spettacolo tra il divertimento. Credo in quello che credo....ma non posso dirlo.

Cordialmente
Roberto

graziella mazzoni ha detto...

Caro Roberto
il particolare dei ragazzi sulla moto mi ha creato molte perplessità in merito alla pubblicazione del video. Ma poi ho pensato che anche quell'aspetto era parte integrante di quello che volevo comunicare.
In questo spazio, tu e gli altri commentatori, potete dire quello che volete rispettando, come avete sempre fatto, gli altri.
Ps: anche a me è dispiaciuto per il Mike nazionale.

Anonimo ha detto...

Il mare Mediterraneo è un immenso cimitero di disperati innocenti... si muore nelle carceri, nelle guerre del petrolio... si muore in carcere, e di AIDS...
SI MUORE!

ALLEGRIAaa... ALLEGRIAaa
per i piromani, naturalmente.

Ectobius

Anonimo ha detto...

Il vento di questi, e di molti altri, giorni ha alzato grosse nubi nere che appaiono sempre più evidenti e indiscrete. Mostri che nelle migliori epopee venivano uccisi dalle gesta eroiche del cavaliere più forte e buono, qualche volta aiutato anche dal potere magico o divino, insomma sovrannaturale. Ma cosa è rimasto di tutto ciò : un po’ alla volta l’uomo ha perso la sua forza che da pensiero diveniva azione consapevole, proiettata certo verso se stesso, ma non dimentico degli altri. La magia , quella che ha dato luogo alla scienza,colma di fascino e mistero si è trasformata in panacea per la massa stanca, credulona , e Dio è insultato da chi pensando erroneamente che la scelta religiosa sia semplice ne fa un uso e consumo indebito. Gli altri non sono me, e così quel pezzo di terra a due passi da me, ricolmo di orrori umani, perché di quello si tratta di “monnezza”che è l’espressione di ciò che siamo e produciamo, arde tutti i giorni uccidendo e mietendo le sue vittime. L’uomo mette sulla brace le sue concrete nefandezze per meglio diffonderle allo stato gassoso su tutti noi. Maria Teresa

Anonimo ha detto...

Quel che si sta sviluppando “arde tutti i giorni uccidendo e mietendo le sue vittime”.
Preceduto da sinistri scricchiolii, fiati crepe, l’incendio si è sviluppato, già cadono calcinacci e si depositano in polvere di quel che fu un edificio costruito di lacrime e sangue.
Oltre una tenda polverosa guardo la luce del giorno oscurarsi e i sinistri bagliori di una notte senza fine.
Guardo tutti i colori persi. Fermo!
Il respiro lieve, la fronte accigliata, lascio che le immagini si mescolino... le immagini di ogni volta che ha sentito le voci della nuvola nera.
Fermo, ché questo è un male che si pone sempre più al si là della nostra portata... Non possiamo farci niente!
Ma almeno che non debba unirmi al coro di prefiche in morte del mediocre che largamente contribuì a che il male si sviluppasse... un mentecatto da competizione che a 85 anni, straricco, piangeva perché non gli rinnovano un contratto.

Ectobius

Anonimo ha detto...

E' cambiato il tempo. Fa un pò più fresco ovunque e finalmente posso concedermi senza afa una comoda lettura del blog di Graziella e del Times su Repubblica.

Cordialmente
Roberto

Anonimo ha detto...

anche questo grosso incendio dei giorni scorsi a Marcianise è stato archiviato. Non si sa cosa è stato bruciato, se c'è qualche pericolo ecc. Intanto oggi roghi avvistati ovunque intorno a Caserta.
P. da un paese....in guerra

Anonimo ha detto...

Qualunque sia l’indice di ammirazione, ovunque salga l’indice dell’autoglorificazione:
“Non si rizza sino all’altitudine del Nano, del Nano in trono, dell’Ajaccio: non si protubera da podio, nella volgarità priapata del Predappiofesso. (Carlo Emilio Gadda)".

Ectobius

Anonimo ha detto...

“Io ho solo paura di abituarmi a questo orrore”

E’ tragico, ma a questo ed altri peggiori orrori ci siamo abituati e non siamo ancora impazziti. Caparbi andiamo avanti senza sentire il peso di colpe e vergogne per i delitti accumulati da questo popolo. Non vediamo... non vogliamo vedere: non facciamo una piega quando si avanzano critiche a onesti servitori dello stato che cercano di far luce su stragi e tolleriamo la prosopopea insopportabile e la cialtroneria di un intrigante paranoico. Accettiamo che li si rimproveri, quegli onesti magistrati che rischiano anche la vita, di spendere il nostro danaro per cose avvenute diecine di anni fa... E si tratta di stragi! Stragi di mafia che deve essere intoccabile... e mangano è un super eroe, un superman alla pari del priapico mandrillo.
Abbiamo notizia di diecine, settantaetre per la precisione, annegati nel Mediterraneo, e di migliaia di disperati allo stremo che vengono accostati da navi col tricolore e consegnati ad un folle dittatore che non risparmia loro carcere e tortura... e si tratta di esseri umani al limite della sopravvivenza e facciamo finta di niente pur sapendo che il sinistro, il minaccioso torturatore agisce a pagamento per conto e per nome nostro.

Non basta ancora per affermare che siamo abituati a questo ed altri orrori?

Ectobius

Anonimo ha detto...

Intanto aumenta il tempo pieno a scuola dell'8 per cento in più rispetto all'anno prima e rispetto a quanti credevono o si auguravano la la catastrofe.

Cordialmente
Roberto