giovedì 3 settembre 2009

Senza Parole

Marcianise, provincia di Caserta, 3 settembre 2009
Altre foto

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Su L'Unità di oggi la giornalista Maria Novella Oppo nell'articolo "Nessuno comprerà le nostre parole" dice di essersi montata la testa e dice anche che non credeva che le sue parole valessero così tanto...Ma fa un errore di valutazione. Se le è stato chiesto un risarcimento pari a 200.000 euro ovvero 5000 euro a parola come lei bruttamente calcola, le sue parole valgono ad oggi, -5000 euro a parola dal momento che le è stato chiesto di pagare. Lei invece applica erroneamente l'addizione al valore delle sue parole.

Ma su L'Unità che in questi giorni sta facendo una battaglia per la libera espressione, questo commento non lo accettano. Per questo lo scrivo qui anche se non in tema col post di Graziella.

Cordialmente
Roberto

Anonimo ha detto...

Non solo non è in tema, ma questo commento anche è sconclusionato.

Ectobius

Anonimo ha detto...

Risolto il problema dei rifiuti!, e “il consenso cresce, è fin imbarazzante... il sessantotto per cento e sale ancora”...
Arriverà al centoventipercento e comprenderà anche quelli di Marcianise che abitano in questa bella strada dal fondo soffice.
“È tornata la spiaggia, recita uno striscione sospeso tra due alberi nella pineta che si affaccia sull'arenile di Baia Domizia. È rimasto lì da quando, la scorsa settimana, la Regione Campania ha organizzato un 'Beach party' per salutare la pulizia di parte del litorale casertano... in realtà... depuratori mal funzionanti e bloccati per giorni, una crisi che di fatto ha colorato di marrone il mare e l'estate dei napoletani... qualche volta le correnti hanno spinto i liquami fino a Capri e Ischia, dove ci si sono messi anche black-out elettrici... sversamento di acque nere nella Grotta azzurra, con la chiusura alle visite...”.

Siamo scandalo! Rimbalziamo sui giornali di mezzo mondo e il consenso di quelli di Marcianise sale... fin alle stelle.

Ma cosa sta succedendo?
Fetore di putredine, cataclisma dal vaso di Pandora dei peggiori vizi italici scoperchiato da un omino egregiamente coadiuvato da una folla di omini e osannato da maggioranze mentecatte che sguazzano felici nel liquame orgogliosi di una presunta felicità e potenza degli italiani ad onta di ogni evidenza.
L’omino dice:
“Sono un genio!... Sono superman!”.
E giù applausi.
“Sono un maschio!... un peccatore come voi”.
Si sottoscrive, approva e osanna.
E il maschio, il genio, il superman è invece un rospaccio con la faccia di culo, grasso con un culone su zampe corte sollevate su tacchi e sopratacchi, la testa dipinta... E’ un basso di spirito la cui aspirazione è di abbassare tutte le anime ché finiscano col cadere nel sudicio al par di lui.

Ectobius

ghetti marco ha detto...

PER ECTOBIUS.
Ti impegni sempre nei commenti, dai dignita' alle parole, usandole in modo consono, adeguato, lucido e intelligente. Pero' sei agevolato. Tu parli di un personaggio che tutto il mondo ci invidia. Dai tempi del compianto TOTO' che non avevamo un comico di questa portata in Italia. Un personaggio talmente geniale che sa trasformare una macchietta in vero teatro. Un artista della parola, che trasforma la verita' in menzogna, ma soprattutto la menzogna in verita', arriva alla santificazione della bugia, la creazione della Balla di stato. I giornali di tutto il mondo, Australia e Canada compresi, ci tributano pagine su pagine, dove il nostro ( primo?) ministro viene descritto come un giullare, una persona indegna di guidare una nazione civile. Per questo trovi sconclusionato il commento di Roberto. Lui ha un'opera titanica davanti, difendere l'indifendibile, esercitarsi nello stesso esercizio, trasformare bugie in verita', far credere che siamo ben guidati dal Silvio nazionale. Serve allenamento per arrivare alla perfezione, persevera Roberto. Da parte mia hai tutto il mio sostegno, io aspetto il crollo dell'impero, per questa volta osservo solo, il crollo di queste nullita' è certo, mi siedo sul fiume e aspetto. Saluti a tutti voi. Marco.

Anonimo ha detto...

Bravo Marco.
Hai completato egregiamente il mio commento.

Con stima
Ectobius

graziella mazzoni ha detto...

Sono troppo triste oggi per rispondervi. Un altro incendio ha avvelenato la mia terra.
I colpevoli siamo solo noi.
E la politica che abbiamo, di destra e di sinistra, è quella che ci meritiamo.