sabato 10 ottobre 2009

Influenzati dall'influenza

La generazione dei non più giovanissimi considerava l'influenza come una banale e passeggera malattia da curare al calduccio assistiti amorevolmente. Oggi non è più così. Il sostantivo "influenza" si sta caricando di nuovi,terribili significati: contagio, mascherine, vaccini, pericolosi e ignari vettori come i polli o i maiali. Oggi uno starnuto può diventare una tragedia. Ma quanto c'è di vero in tutto questo? Ho provato a documentarmi su internet ma le notizie sono così discordanti che è veramente impossibile avere un' idea precisa sulla faccenda. Meglio una voce autorevole come quella di Mario Falconi Presidente degli ordini dei medici che su una rivista, il Giornale della Previdenza, scrive: "La pericolosità del virus A/H1N1 è simile, se non minore, a quella dei ricorrenti virus stagionali...l'informazione in Italia, sconfina quasi sempre nella disinformazione e nel sensazionalismo.. I cittadini avrebbero diritto ad avere da parte delle autorità messaggi chiari, veri e soprattutto univoci e che abbiano come unica fonte , la Comunità scientifica internazionale.... è corretto implementare la vaccinazione ...onde evitare che un numero eccessivo di assenze dal lavoro possa produrre danni economici al nostro paese già in crisi.... Basta con i sensazionalismi per una malattia virale che, come le guerre, arreca danni, ma porta anche ricchezza solo a qualcuno.. Mentre il servizio sanitario pubblico "arranca"... alcune industrie farmaceutiche, in un clima di allarmismo continuo, registrano, se pur legittimamente, notevoli incrementi dei propri fatturati". Vacciniamoci allora. Che importa se il mare in Calabria è avvelenato, se la terra campana custodisce i veleni di mezza Europa? L'importante è essere vaccinati e non starnutire.

9 commenti:

graziella mazzoni ha detto...

Anonimo ha detto...
Purtroppo è il male dei nostri tempi il sensazionalismo. L'informazione, spesso è affidata non solo a modesti giornalisti, ma oggi ognuno crede di poter informare. Aprire la bocca e INFORMARE. Questa la parola d'ordine. Internet, meraviglioso strumento dei nostri tempi è diventato un contenitore colossale in cui tutti indistintamente INFORMANO. Come questa signora che lascia un commento nell'inchiesta "malascuola" su La Repubblica di oggi:

"Il maggiore in II media, quest'anno orario 8-14 senza rientro p.m. perché non ci sono soldi per pagare personale di mensa. Torna affamatissimo, nonostante cospicue merende ogni mattina. Riuscirà a concentrarsi per tante ore accecato dalla fame? Il piccolo è in 5 elementare: giovedì 1/10 la scuola era chiusa causa feci di topo e materiale rosicchiato. Venerdì ha riaperto, nè io nè altri genitori abbiamo mandato i bimbi (una maestra ha segnalato la presenza di veleno nell'edificio in luoghi accessibili) e neanche sabato. Lunedì abbiamo provato: sono tornati a casa con avvisi "pediculosi a scuola, controllare teste dei figli".Oggi altre feci: l'ho fatto uscire prima di mensa, evitandogli la ginnastica per terra in palestra al p.m. Verificate sul sito "Il Gazzettino" di Venezia. Ah, dimenticavo: all'inizio di ogni anno scolastico i genitori arrivano con: carta fotocopie-cucina-igienica, sapone, e soldi per un fondo cassa gestito dal rappresentante di classe per cancelleria necessaria".

Inviato da amphielissai il 07 ottobre 2009 alle 00:19


Cordialmente
Roberto
7 ottobre 2009 9.13

graziella mazzoni ha detto...

ghetti marco ha detto...


Sono d'accordo con te Graziella, anzi direi "una pandemia al giorno per qualcuno è auspicabile, anzi direi indispensabile" Io per le patologie che ho sono sempre tra gli aventi diritto al vaccino, iperteso e diabetico. Ma non mi sogno nemmeno di vaccinarmi, non solo contro l'influenza dei maiali, ma nemmeno per la solita stagionale. Voglio darti un'informazione. Quando ci fu l'influenza aviaria, con conseguente paura dei prodotti avicoli, qui' da me erano preoccupati. Io abito nel paese dove vi è l'azienda Amadori, quella che ora passa con il suo presidente Francesco Amadori, negli spot televisivi. Con l'influenza aviaria, l'azienda ha fatto la sua ristrutturazione interna, la crisi aiuta in questi casi, mentre i piccoli gruppi concorrenti, nel frattempo chiudevano le loro attivita'. Solo i grandi gruppi sopravvivono nei giorni bui. Poi è passato il gruppo Amadori ed ha assorbito, anche i concorrenti, potenziando la sua supremazia. Ognuno puo' trarre le conclusione che vuole, ma anche in questa nuova influenza, credo che vi siano interessi piu' o meno nascosti, a noi cittadini, non agli addetti ai lavori. Vi saranno grandi guadagni, ma non per i comuni cittadini. Saluti.
7 ottobre 2009 22.05

graziella mazzoni ha detto...

ghetti marco ha detto...
La mia solidarieta' di uomo alla signora Rosaria (Rosy Bindi)per essere stata insultata da due poco signori, il finto giornalista Bruno Vespa, e il povero presidente italiano del consiglio, il solito Berlusconi. Di certo la Bindi è piu' intelligente che bella, vista la sua carriera politica, stata pure ministro. Di certo non potendo fare leva sulla sua avvenenza fisica. Stanno andando fuori di testa, ora si mostrano nudi. Per quel che conta a loro e ai loro sostenitori il mio maggior disprezzo.

Marco Ghetti.
8 ottobre 2009 21.01

graziella mazzoni ha detto...

Anonimo ha detto...

La mia solidarietà all'uomo più insultato da 15 anni a questa parte per partito preso, pregiudizio, intolleranza e ottusaggine. Sono istituzioni le Corti, i Parlamenti e i Presidenti dei Consigli.Qualcuno lo dovrà pur sapere o no? Quindi la Signora Bindi, prima di sentirsi offesa per una battura che tra l'altro è stata a suo tempo di Vittorio Sgarbi, farebbe bene a guardare la faccenda da tutte le angolazione e soprattutto potrebbe intanto astenersi dalle apparizioni televisive per raccontare balle da diversi anni a questa parte come in questo splendido esempio :



http://www.youtube.com/watch?v=Bz2BmmH2n9M&feature=PlayList&p=899D92A9CC650F22&playnext=1&playnext_from=PL&index=12http://www.youtube.com/watch?v=Bz2BmmH2n9M&feature=PlayList&p=899D92A9CC650F22&playnext=1&playnext_from=PL&index=12

Voglio inoltre ricordare che la Prestigiacomo, la Gelmini e la Carfagna sono state additate come pompinare, puttane e zoccolissime parlamentari da tutte le postazioni di guerra di sinistra e non si è levato nessun sospiro di solidarietà.

Cordialmente
Roberto
9 ottobre 2009 1.14

graziella mazzoni ha detto...

graziella mazzoni ha detto...

Avrei molte cose da dire sull'argomento donne, ma la mia amarezza nel constatare, ogni giorno, l'arroganza maschile(dei potenti e non) è tale che mi astengo da commenti.
9 ottobre 2009 21.20

graziella mazzoni ha detto...

ghetti marco ha detto...

Essere fedeli di Berlusconi significa anche " non avere rispetto delle donne". Ne hai dimenticata una. Dov'è quella zoccola della Meloni?" Chiede il premiuer ad un consiglio dei ministri. Il fatto che la battuta sia stat gia' detta da Sgarbi Vittorio, anche lui berlusconiano, nonche notorio poco educato non sposta nulla. Piccolo particolare. La cotanta vittima di congiure di sinitrorsi perfidi, quando parla lo fa da presidente del consiglio, almeno Sgarbi non lo era. Ma era comunque maleducato. Pensa che buon esempio di senso civico, il solito potente che approfitta della sua posizione.

graziella mazzoni ha detto...

Ma quale consiglio dei ministri? Ti riferisci al congresso del PDL Ghetti, sicuramente. Ovvero quello pubblicato su youtube, la miniera dei disperati. Te lo incollo il link....guardatelo di nuovo...e godi.

http://www.youtube.com/watch?v=dZ8NBJ6Ycps&feature=youtube_gdata

così ti perderai ancora nei 500 e passa commenti ....con le cuffie o senza cuffe? Con volume alto o basso? Ha detto piccola o zoccola? .......


Che piccola Italia!!!!
Su questi e milioni di altri piccoli imbrogli, equivoci, ribaltamenti, è stato impiantato il sistema di opposizione italiano. Che opposizione eh? Che acutezza!!!
Che intelligenza!! Che eleganza! Che moralità!!!

Buona visione. (...ma era una "i", o era un "o"?, era lui o non era lui? la sua voce o quella fuori campo?....) Tutte così le prove che incastrano Berlusconi.


Cordialmente
Roberto
9 ottobre 2009 23.14

graziella mazzoni ha detto...

vi chiedo scusa per questo piccolo disguido nei commenti....spero di non aver fatto nessun pasticcio.
Non so cosa è successo...mi auguro di aver risolto il problema.

ghetti marco ha detto...

Posso assicurarti Roberto, che la tua somma intelligenza non sara' piu' disturbata dalla mia stupidita'. Volevo pero' sottolineare che io dispongo di un'ora al giorno per il pc, non ci vivo di quello, non ho tutto il tuo tempo, poi forse la vita puo' offrire anche altro.