mercoledì 17 dicembre 2008

Per non perdere l'abitudine....














Io non mi scandalizzo più quando sento di avvisi di garanzia, di arresti, di denunce. Queste foto sono di oggi e si riferiscono a un tratto di strada tra Caserta e Aversa. Questo è il risultato di anni di anarchia e d'imbrogli, di soldi pubblici rubati. Ed è la storia di un popolo che, lentamente e inesorabilmente, si è abituato a tutto e che, oggi, reputa questo scempio parte della "normale" quotidianità. (foto)

3 commenti:

ghetti marco ha detto...

Mentre tu fai le foto alla spazzatura, in Campania altri e diversi spazzini provano di ripulire la vostra terra. I Lusetti, i Bocchino e i loro amici imprenditori e politici, bipartisan ladri di legalita', di equita', di pulizia morale. Sono gia' corsi in soccorso i garantisti alla Cicchitto, piduista ex socialista, che rimembrava oggi in un tg nazionale i brutti tempi del 1992,epoca storica di mani pulite. Ha detto che non succedera' come nel 1992,spero anche io che non succeda quello che successe allora, ma da un altro punto di vista. Lui si riferiva alla scomparsa dei partiti al governo allora, tra i quali il suo PSI, io invece spero che questa volta la popolazione italiana impedisca l'ingerenza politica nelle indagini e che tutti i colpevoli siano scovati e perseguiti. Finisco rubandoti una frase che hai usato tempo fa, non ci credo, ma bisogna pur vivere. Saluti e in bocca al lupo per la tua terra.

graziella mazzoni ha detto...

per Marco
Secondo te perchè io ricomincio a fotografare i rifiuti proprio oggi??
L'ingerenza politica ci sarà anche questa volta e a noi che importa se un'altra sigla scomparirà? I colpevoli non saranno scovati e condannati, e sai perchè? perchè siamo TUTTI colpevoli. Basta guardare la campagna campana.
un abbraccio

Roberto Canfailla ha detto...

Quale commento ... in entrambi i casi non ne occorrono e, mi spiace dirlo, vedo remote le speranze di Marco che, comunque, condivido.
A fronte del malcostume di oggi, a me sembra che quello del 1992 fosse poca cosa ... sarà il tempo che passa. Ma non ricordo ci sia mai stata in nessuna epoca un così gran fervore bipartisan per benedire l'impunità di tutti a botta di leggi, leggine, decreti ad hoc, con la prospettiva di cambiare anche la costituzione. Forse il vero problema è che, come qualcuno ha ricordato, in democrazia il parlamento rappresenta il popolo : nel nostro caso, tenuto conto del numero degli inquisiti, dei condannati, degli ignoranti, dei nulla facenti, degli scostumati, degli arroganti, ecc. ecc., possiamo ben dire di essere di fronte ad una democrazia piena di cui le foto di Gabriella sono un'anomalia, evidente ma naturale, che interessa davvero a pochi ...
Grazie a Marco per lo "in bocca al lupo" ... ma purtroppo credo che stiamo aspettando solo che ci finisca di sbranare! :-((
Alla prossima.