mercoledì 27 maggio 2009

La Mercedes

La Mercedes davanti a me, stamattina, ha un'andatura lenta ma decisa. Al semaforo siamo fermi entrambi davanti al rosso. Il guidatore della mercedes, nell’attesa, si soffia il naso, apre il finestrino e getta il fazzoletto di carta a terra. E io mi chiedo: ma quanto dura questo rosso! Richiude il finestrino, ci ripensa e lo apre di nuovo. Questa volta getta il pacchetto di fazzoletti vuoto. Il rosso comincia a pesarmi. Mi guardo intorno e i cigli della strada sono pieni di rifiuti. E’ come trattare male un malato terminale. Finalmente il verde. Il guidatore si soffia di nuovo il naso, riapre il finestrino. Dopo il secondo semaforo e un altro interminabile rosso, ho contato 6 fazzolettini gettati lungo il percorso. Avrei voluto fermarlo e chiedergli cosa pensa della destra e della sinistra e di stesso. Così, per pura curiosità.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Avrebbe risposto che si vergogna di vivere in un paese come l'Italia e di chi lo governa.


Cordialmente
Roberto.

Anonimo ha detto...

Forse bisognerebbe cominciare a ribellarsi quando si vedono certe cose e far presente che i fazzoletti uno se li può anche tenere in macchina...è anche vero che mettersi a bisticciare con uno sconosciuto può essere pericoloso dal momento che non si sa chi abbiamo davanti. Mah..grande dilemma..però da qualche parte bisogherà iniziare..

Rossella

Anonimo ha detto...

...:) e avrebbe anche aggiunto che vuole andare a vivere all'estero. Ce ne sono tanti che dicono così e a cui vorrei chiedere: ma si è così sicuri di essere acettati all'estero con queste premesse?

Daniela

Anonimo ha detto...

Io glielo avrei detto, ma sono un uomo. Una bell differenza, in questo caso.

Anonimo ha detto...

La maleducazione della gente, mi sembra ovvio, non si misura dal tipo di auto, anzi, spesso, l'indifferenza per l'ambiente circostante, aumenta con il "potere" personale dell'individuo in questione. Io sono del nord e per ragioni di lavoro, sono stato in una cittadina siciliana con un grande (a quei tempi) complesso petrolchimico. L'impatto. mi ricordo, è stato devastante, tutti suonavano il clacson, spesso senza ragione, i vigili venivano presi a male parole e spesso zittiti con minacce..gente che sputava dalle auto, mozziconi di sigaretta gettati in mezzo alla gente, non potevo credere ai miei occhi, un vero far west! Mi sono chiesto spesso, per quale ragione non venisse in nessun modo rispettata la convivenza civile. Di chi la colpa? Della famiglia? Della scuola? Non so dirlo, sinceramente, ma credo che imputare sempre la colpa a chi ci governa, sembra quasi una scusa di comodo. Non siamo padroni di noi stessi alla fine? i nostri comportamenti da cosa sono dettati? L'Italia è uno dei paesi più belli in assoluto al mondo e credo che la popolazione "tutta" dovrebbe sforzarsi di più per un convivere civile, altrimenti la soluzione è quella di tornare a vivere nelle foreste, dove la regola di sopravvivenza la fai tu. Finchè personaggi più o meno noti, dai loro blog, gettano fango su questo nostro paese solo perchè il capo dello stato (esempio) gli sta sulle scatole, non fa altro che fomentare il desiderio di una qualche rivoluzione, che a dirlo virtualmente è una cosa, ma che all'atto pratico porterebbe solo lutti e devastazioni e alla fine non risolverebbe assolutamente niente. Fa dispiacere vedere, ad esempio, un blog come quello di Grillo, ridotto alla stregua di un giornaletto gossiparo, con pochi e demenziali messaggi, postati sempre da personaggi frustrati. Con tutti i problemi gravi del paese, tra la crisi mondiale e il terremoto in Abruzzo, oltre che l'occupazione, si concentra tutto su di un gossip assurdo di una ragazzina di un paesino campano, che di tutto avrebbe bisogno tranne che di questa "pubblicità" creata ad arte per non colpire lei ma il capo del governo. Ora, se anche ex-autorevoli magazine inglesi, già con i loro problemi interni, si prendono la briga di guardare in casa nostra, non sulla politica, ma sul becero gossip, allora siamo ben lontani dall'avere un'Italia che tutti sogniamo.
Francesco
p.s.
scusa la lungaggine, ma certi concetti non si possono riassumere in poche parole.

ghetti marco ha detto...

Mi sono trovato anche io in una situazione simile. Fermo ad un passaggio a livello a Cervia, tornavo in moto dal mare, quando da una macchina in sosta, per il treno, una ragazza apre la portiera e getta una serie corposa di fazzoletti usati sul ciglio della strada. Il turista pensa sempre di poter fare tutto, a prescindere che poi magari abiti solo a dieci chilometri. Nei passaggi livello al mare la sbarra non si alza tanto velocemente, intanto pensavo, ora vado e li faccio raccogliere. Ma non sono andato, perchè io sono collerico, e se scappava la rissa, poi non sapevo come andava a finire, io giro sempre armato in estate.Siccome conosco i giovani, era credibile che il tipo alla giuda sentendo che rampognavo la sua donna, si sentisse un novello Warrior, lui giovane con uno brizzolato, una passeggiata. Poi magari la faceva in ospedale la sua passeggiata, ma io ho da fare, non posso finire in galera per un cretino qualsiasi,le tragedie iniziano sempre per futili motivi. Saluti Graziella.

graziella mazzoni ha detto...

Il punto non era se farlo presente al "signore", sarebbe stato inutile e pericoloso da queste parti.
Qualcuno ha detto che cercare di risolvere certi problemi del Sud è come svuotare il mare con un bicchiere.
Grazie a tutti dei commenti.

ghetti marco ha detto...

No Francesco, da uomo del nord non sono d'accordo sulla tua finale. Il caso di Noemi non è gossip, non lo era quando il presidente degli Stati Uniti d'America fu inquisito da un procuratore, Kennet Starr, di chiara fede repubblicana, per avere avuto rapporti con una stagista, Monica Lewinski, ed avere poi mentito alle autorita'. I giornali di tutto il mondo seguirono con passione ed interesse la vicenda. Clinton chiese scusa agli americani, non disse che era una persecuzione politica, e la Lewinski non era nemmeno "solo" diciottenne. Anche se Berlusconi crede che a lui tutto sia concesso, poi i suoi seguaci lo appoggiano pure, è comunque sempre un capo di governo. Le sue scivolate di stile sono atti pubblici, e ci mancherebbe, visto come nessun organo di stampa oramai è fuori dalla sua influenza. Vi sono sembrato aggressivo fedeli di Silvio?
Ps questa sera Grillo è a Cesena con Sonia Alfano. Forse ha ancora un senso il Blog di Beppe Grillo. Saluti.

Anonimo ha detto...

Marco, se Grillo volesse veramente fare qualcosa per riportare il suo ormai disperato blog fuori dalle fonde del gossip più becero, dovrebbe semplicemente far rispettare quello che recita la netiquette proprio nella sua pagina. E' assurdo leggere post di personaggi visionari, che senza uno straccio di prova riportano semlicemente ciò che trovano scritto sui giornali, ma prove non ne esistono, e allora, perchè tu credi al gossip? Perchè tu credi alle illazioni? Non ti sei mai chiesto che per distruggere una persona, l'unica cosa che veramente conti per lui, sia la famiglia e i figli? Sircana non era un personaggio pubblico del governo Prodi? Buona parte dei giornalisti di allora disse che era stata una "giovinezza", mi immagino se avessero visto l'auto del berluska trattare con un trans per le vie di Roma!! ti rendi conto che Di Pietro non è riuscito a superare le 63 firme per sfiduciare il Cavaliere? Ti rendi conto che Franceschini, segretario dell'opposizione, si permette di sindacare su come ha cresciuto i suoi figli? Se tutto questo è "becerume" allora lascia veramente il tempo che trova...

Anonimo ha detto...

"La legittimazione per la leadership non è l'età, nè la dialettica. In democrazia è il consenso elettorale, il vincere le elezioni.La legittimazione della leadership è la vittoria.Più chiara è la vittoria, più chiara è la leadership. Sovvertire irrispettosamente questa elementare regola, è vergognoso".

Lunedì 2 Aprile 2006
(prof.Romano Prodi).

Queste le affermazioni del professore forte dei sondaggi fasulli che lo davano in vantaggio del 6% sulla Casa delle libertà.



Cordialmente
Roberto

Anonimo ha detto...

Ciao Graziella era tanto che non aprivo il tuo blog.Innanzitutto ti Saluto e poi volevo dirti che io ho un amico purtroppo che fa lo stesso...sai le litigate! Indovina cosa mi dice e mi fa andare in bestia? "CHE DEVO COMINCIARE PROPRIO IO...E NON VEDI QUANTI CE NE SONO DI FAZZOLETTI PER TERRA? Allora sai cosa penso realmente arrivati a questo punto dove la maleducazione e la non curanza della gente ha superato un limite assurdo? Che ci vuole la repressione....!Cominciamo a fargli pagare multe salate...e se non hanno niente andiamo a casa loro e prendiamoci per un mese la tv o la lavatrice....cominciamo a togliere quello di cui hanno bisogno e vediamo se le cose cambiano o meno!!!Basta veramente!!!!

graziella mazzoni ha detto...

per anonimo ( ma chi sei?)

io con un amico che getta i fazzolettini per terra non ci andrei una seconda volta insieme...