giovedì 14 agosto 2008

Chiare fresche dolci acque

L'acqua è l'altro grande affare della criminalità.
" È l'ultima emergenza campana,...........nel 30 per cento dei casi analizzati, si registra un'elevata eccedenza di contaminazione batteriologica. Valori di coliformi totali anche 50 volte superiori la norma e la presenza massiccia di coliformi fecali. Si tratta di batteri presenti nelle feci animali e umane: è come dire che dal rubinetto di casa scorre acqua di fogna.....dopo un anno di emergenza rifiuti continua, il rischio sanitario in Campania è ormai reale. Diossina sprigionata dai roghi di spazzatura, moltiplicarsi di insetti e ratti, percolato che penetra nei terreni fino a inquinare la falda acquifera".

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Anni fa telefonai a una trasmissione dove parlavano sempre dei paesi esteri e dissi che era il caso che si parlasse un po' anche dei problemi di casa nostra. Mi zittirono.
Continua a fotografare e a scrivere e a pensare... cara amica.
Giulia Zanata

Anonimo ha detto...

Gabriella
che aggiungere alle tue parole? Purtroppo niente e non gliene frega niente a nessuno.
Ieri ho spauto che un mio zio che abita a Casaluce ha un tumore al polmone. Mi è venuto da pensare quanto possa entrare la diossina che ha respirato nelle campagne. Ma nessuna mi darà una risposta, se mai troverò qualcuno acui porla la domanda.
Ciao
Clio
http://clio1.wordpress.com/

graziella mazzoni ha detto...

Non ci sono domande, nè risposte.
Ci sono solo fatti.
Ognuno di noi ha qualche caro morto di cancro, e io sono sicura che la nostra è una terra avvelenata.
Li chiamano " allarmismi inutili"
A nessuno conviene dire la verità.
Un abbraccio tuo zio.