lunedì 28 aprile 2008

Caro amico ti scrivo

V'invito sul blog più divertente e surreale della rete: quello di Antonio Bassolino. Fatevi un giro e non crederete ai vostri occhi. Una piccola anticipazione, l'ultimo colpo di genio del grande politico che è stato capace, con molti altri "uomini" di mettere in ginocchio una regione intera: scrive sul suo blog : Ci sono ancora diverse difficoltà da superare e molto lavoro da fare.... Ciascuno di noi deve fare la sua parte, con spirito imprenditoriale, capacità di rilanciare il territorio attraverso un’attenta programmazione, politiche mirate allo sviluppo del settore turistico. E, anche, con creatività. Lancio, per esempio, una proposta. Perché ciascuno di noi non invita un suo amico a Napoli e in Campania in vacanza? In questo modo tantissime persone potrebbero verificare coi loro occhi i passi in avanti compiuti in queste settimane e passare qualche giorno in una delle regioni più belle del mondo.
Meglio di Totò. Ecco cosa scrive un napoletano che invita , per far contento Bassolino, un suo amico milanese:
Caro Ambrogio,vieni a Napoli. Ho posto in casa perché si è liberata la stanza del nonno. Salute a noi, è morto dopo che l'hanno trascinato per duecento metri per rubargli la pensione. Qui la cucaina è abbondante e di primissima qualità. Dopo che ti sarai fatto qualche pista e una bella settimana bianca, tutto qui ti sembrerà magnifico: Bassolino ti sembrerà il Truman dei tempi d'oro, le montagne di munnezza ti appariranno come le montagne verdi di Marcella Bella, le zoccole che incontrerai ti saluteranno come Cip e Ciop. .Mi raccomando, porta un Rolex (se possibile un Daytona senza chiusura di sicurezza, ma comunque fai tu), un cellulare blackberry, una videocamera, una macchina fotografica digitale e almeno 1000 euro nel portafogli perché ai ragazzi il contante fa sempre comodo...

2 commenti:

clio1 ha detto...

Oh mio Dio, ma da dove gli viene in mente una cosa del genere?
Non so chi è peggio lui che dipinge questo bel quadro o quello che gli risponde con la giusta cornice.
Ciao
Clio

Anonimo ha detto...

Ma ci vuole una bella faccia tosta. Ma don Antonio Bassolino legge quello che gli pubblicano sul suo blog? Io penso di no e che il suo esercito di "comunicatori" o abbiano sniffato o non vivono la realtà della nostra regione!!I danni arrecati, con tanti anni di commisariamento dei rifiuti, non saranno tanto presto risolti e l'immagine della Napoli del G8 è lontana tanti anni luce. Perchè Bassolino non invita i suoi amici del nord a Chiaiano ,a Scampia, a Secondigliano per farli incontrare con quei napoletani e sentire il loro parere? Bassolino sarebbe il caso che Lei e i tanti intrallazzatori di Palazzo San Giacomo Vi trasferiate tutti al Nord dai vostri "compagni di merenda"!!!!!