mercoledì 2 aprile 2008

TERRAMIA

Il nostro litorale era bellissimo. Spiagge larghe e lunghissime come in nessuna parte d'Italia.Una trentina di chilometri che partono da Napoli fino ad arrivare ai confini laziali con in mezzo il fiume Volturno. La natura , generosa da queste parti, aveva anche pensato di proteggere le nostre spiagge; prima con le sinuose dune, poi con una pineta profumata e rigogliosa. Ma contro l'arroganza dell'uomo nemmeno la natura può nulla. Negli ultimi quarant'anni si è costruito di tutto a ridosso del mare; il villaggio Coppola con i famosi palazzi "dai cui citofoni si sentiva il mare", e tutta una miriade di villaggi senza nessun piano regolatore, senza nessun senso estetico,senza rispetto per niente.Come capita spesso, l'uomo occupa, costruisce e poi abbandona. Oggi tutto il litorale domizio è il regno di immigrati. Uno stato nello stato.
Entrambi senza più controllo.
Le foto di Luigi Caterino raccontano molto a tal proposito: gli immigrati sembrano pensare sempre a una disfatta, hanno lo sguardo di chi ha perso qualcosa. In questo momento storico somigliano molto a noi . Entrambi cerchiamo una "Terramia" che non abbiamo più.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Tempo fa, in merito a delle brutture costruite in Umbria, scrissi, non ricordo dove, che p.e. Sgarbi o chi per lui doveva dare il placet per certe costruzioni che poi la popolazione se le deve guardare e tenere per sempre.
Penso che ci dovrebbe essere, in ogni Comune che si rispetti, un comitato di cittadini (a turno) che si possa occupare di questo grosso problema. Ciao! Giulia Z.

Don Pedro de Toledo ha detto...

Ciao, tramite beppe grillo blog ho pescato il tuo blog : sei interessante. iscriviti al nostro forum e leggi il blog . Siamo tutti di napoli, incazzati neri contro i napoletani e i 'campani' in genere. potrebbe sembrarti un blog qualunquista e solo volgare: è la tragedia di dover ammettere che l'infezione è endemica e quindi inveiamo contro tutto e tutti e che la volagrità - unita al pensiero e alla angoscia di dover vivere cosi - è l'unico modo di esprimere una realtà assurda e di morte in cui siamo intrappolati noi giovani napoletani-casertani-aversani.

www.folklorenapoletano.blogspot.com

in cui trovarai link al forum :

http://essedigi.hostsnake.com/viewforum.php?f=8

Sono siti web sui generis...

Ciao

Don PdT

Leggi a proposito di questo tuo post nel nostro forum:
sezione: SdG/Carney Park, ci sono assonanze

facci sapere cosa ne pensi
mandandomi un mp, messaggio privato , dal forum

Don Pedro de Toledo
ciao e brava !

Anonimo ha detto...

Appunto, *era* un litorale...