martedì 13 maggio 2008


Stazione Ferroviaria
Aversa
Il governo italiano (destra e sinistra) con la complicità della Comunità Europea ha pagato per 15 anni la criminalità organizzata in Campania. E non intendo solo la camorra, ma anche tutta quella classe politica, che alle spalle di questa emergenza si è arricchita di voti e di denaro. 15 anni senza mai domandarsi dove andavano a finire tutti quei soldi, senza mai una verifica della spesa pubblica. La Campania, in particolare Napoli e l’agro aversano, è terra fertile anche in questo senso; per decenni tutti hanno potuto fare tutto, senza controlli, senza pedaggio, condonati sempre. Il risultato della malapolitica e dell’inciviltà è sotto gli occhi di tutti. Il danno e la beffa. Costretti a vivere nella zona più inquinata d’Italia , subiamo, tutti i giorni e giustamente, le critiche di chi qui non è nato. Abbiamo perso la salubrità dell’aria ma anche la dignità. Come si fa a spiegare a un cittadino del nord, abituato a godersi i suoi bei centri storici, le sue strade lisce sempre ben asfaltate, i suoi uffici pubblici efficienti, come si fa a spiegargli che cosa significa vivere e qui?

9 commenti:

Pino ha detto...

Non c'è problema.
Il sindaco farà affiggere degli altri manifesti nei quali si scusa per l'incresciosa condizione in cui versa la città, per cause non dipendenti dalla sua volontà, nè da quella dei suoi alleati... ne da nessun altro. Io abito nel rione Trinità e temo seriamente di non riuscire più a raggiungere il mio palazzo perchè P.zza Crispi presenta un cumulo di rifiuti che si sta minacciosamente estendendo verso l'altro capo della via che solitamente percorro per tornare a casa. Rivolgo un appello a chiunque sia disposto ad ospitarmi qualora questo si verificasse... Possibilmente qualcuno residente in Svizzera.

Saluti.

Anonimo ha detto...

SIAMO ALLE SOLITE LAMENTELE.IO SINCERAMENTE NON CAPISCO NE'LA SIG.RA MAZZONI NE'IL SIG. PINO: LA PRIMA IN QUANTO EVIDENTEMENTE DIMENTICA DI DIRE NEL SUO POST CHE IN ITINERE LA MAGISTRATURA FINALMENTE HA APERTO UN'INCHIESTA E CHI HA COLPE, IO ME LO AUGURO , IN TEMPI RAPIDI(UN ALTRO Augurio)DOVRA' PAGARE PER IL GRAVE DANNO PROCURATO. IL SIG. PINO CITTADINO DELLA TRINITA'E' MAI ANDATO A PASSEGGIO IN PERIFERIA:PONTE MEZZOTTA, URRA CASAS.GESCAL E VIA DICENDO OVE IN OGNI EMERGENZA VI SONO CITTADINI ANCORA PIU' ABBANDONATI? SE I VARI COMMISSARI STRAORDINARI CHE SI ALTERNANO NON RIESCONO A TRARRE IL CLASSICO RAGNO DAL BUCO CHE C'ENTRA IL SINDACO DI AVERSA O DI UN'ALTRA CITTA' DEL CASERTANO O DEL NAPOLETANO. CHE TIPO DI COLLABORAZIONE NOI CITTADINI DIAMO A NOI STESSI QUANDO LE DISCARICHE CHIUDONO ? NESSUNA: MI SEMBRA CHE LO FACCIAMO A POSTA CHE NEI PERIODI DI EMERGENZA DIVENTIAMO PIù INCIVILI DEL SOLITO SCARICANDO DI TUTTO E DI PIU'SULLE PUBBLICHE STRADE. QUANTI DI NOI IN QUESTI MOMENTI DI CRISI RICHIAMIAMO IL VICINO, IL PARENTE O CHI ALTRO COLTO A GETTARE RIFIUTI IN STRADA AD AVERE UN COMPORTAMENTO, PER NOI STESSI, PIU' CIVILE?E ALLORA MENO LAMENTELE E PIU' FATTI CONCRETI E FORSE RIUSCIREMO AD USCIRNE FUORI ALTRIMENTI MORIREMO SOTTO I RIFIUTI E QUESTO MI DISPIACEREBBE SOPRATUTTO PER I PIù GIOVANI. buona immondizia a tutti!!!!!!!

graziella mazzoni ha detto...

Il Sindaco di Aversa c'entra molto, caro anonimo,
perchè non riesce ad iniziare la raccolta differenziata. Al comune di Aversa si continua a parlare di maggioranza, di giunte, di feste di piazza, di solidarietà, e il problema dei rifiuti è ancora marginale invece di essere una priorità assoluta.
Io non ho dimenticato che la magistratura ha aperto un'inchiesta su questo problema, ma mi chiedo Lei dove vive? Che cosa facciamo mentre si svolge un processo che durerà una decina di anni?
Ecco perchè ci lamentiamo.
Cordialmente

graziella mazzoni ha detto...

Il Sindaco di Aversa c'entra molto, caro anonimo,
perchè non riesce ad iniziare la raccolta differenziata. Al comune di Aversa si continua a parlare di maggioranza, di giunte, di feste di piazza, di solidarietà, e il problema dei rifiuti è ancora marginale invece di essere una priorità assoluta.
Io non ho dimenticato che la magistratura ha aperto un'inchiesta su questo problema, ma mi chiedo Lei dove vive? Che cosa facciamo mentre si svolge un processo che durerà una decina di anni?
Ecco perchè ci lamentiamo.
Cordialmente

LeStesseCoseStudio ha detto...

Egregio anonimo, (anonimo forse per essere fedele fino in fondo alla sua aversarnità), io vivo a Roma e se un mio vicino assume atteggiamenti incivili, non sono tenuto ad affrontarlo personalmente, anche perchè non so se capirebbe la mia lamentela. Più semplicemente chiamo i vigili e risolvo nel giro di pochissimi istanti.
Facile.
Cordialità.
Carlo

Anonimo ha detto...

Mamma mia quanta aggressività. Io non volevo assolutamente difendere il sindaco di Aversa e peraltro non sono della sua parte politica. Il mio intento,per l'esperienza di altre comunità cittadine, periferiche ed extraregionali, era quello di risvegliare le coscienze dei singoli al rispetto della cosiddetta "res publica" in senso più lato della parola. Quante volte Lei o il sig. Pino o altri cittadini, in presenza di piccole legalità quotidiane, ha fermato un rappresentante delle Forze dell'ordine e, mostrando loro un prioprio documento di identità,ha chiesto di intervenire e di conoscere il suo numero di matricola? Io l'ho fatto e ne ho subito le conseguenze. Con questo voglio dire che se ognuno per una piccola parte si sente Civis può essere attore protagonista e non delegare con il semplice voto in occasione delle elezioni il proprio rappresentante. Sono del parere che qualsiasi Sindaco non arriverebbe da nessuna parte senza la collaborazione dei suoi elettori: sarà sbagliato ma è un parere.Laddove infine un amministratore pubblicoincorre in scelte sbagliate sarà la politica a decidere sul suo futuro come sarà la magistratura nel caso penale:vivaddio siamo in un un paese democratico!!!!Mi creda sig.ra Mazzoni l'avevo cominciato a seguirLa perchè con i suoi post Lei" fotografava in maniera come dire moderata ma efficiente" spaccati di problematiche cittadine, ma vedo che anche Lei appartiene al mondo degli arrabiati,oggi il termine "grillini". Con stima.La saluto

graziella mazzoni ha detto...

Per Anonimo
Mi dispiace se le è arrivato un tono aggressivo. Solo ora me ne rendo conto. Ma, se questo serve a farle capire il mio stato d'animo, le farò vedere lo spettacolo a cui si può assistere sotto casa mia e tutta la strada che mia figlia deve percorrere per raggiungere la sua scuola. Cadere nel patetico,essere aggressivi, è un pericolo che tutti corriamo in questo momento.
Con altrettanta stima la saluto.

graziella mazzoni ha detto...

sempre per anonimo...
dimenticavo di dirle una cosa, che aggiungo solo per farle sapere che anche altre cittadini pagano in prima persona certe scelte: io ho sempre fatto al Comune denunce chiare e firmate solo da me.

cp ha detto...

Anche io ho parlato di rifiuti sul mio blog. Sono della stessa città della sig.ra Mazzoni, ma non cerco colpevoli, voglio solo la risoluzione del problema. Nel mio piccolo faccio la raccolta differenziata, ma non penso che possa rappresentare la nostra 'salvezza'.
saluti