lunedì 1 settembre 2008

Non ci resta che... testimoniare...




5 commenti:

sil lan ha detto...

Posso stampare le tue ultime foto, per mostrarle a chi sostiene che il presidente del consiglio ha compiuto il miracolo?

graziella mazzoni ha detto...

Tutti abbiamo il diritto di testimoniare.

sil lan ha detto...

Anche il dovere. Grazie!

LeStesseCoseStudio ha detto...

Sono stato personalmente a Napoli e Caserta nel periodo di Natale scorso, in piena emergenza ed effettivamente devo constatare che oggi è palesemente cambiato qualcosa nelle due città e in molti punti delle loro province. Sarebbe quindi scorretto sostenere il contrario per fare politica. Piuttosto poniamoci un altro problema. Non sarà l'agro aversano ad essere un luogo dove anarchia e inciviltà hanno preso il sopravvento? Non sarà questa terra ad avere delle fortissime ed indiscutibili contraddizioni a prendersi gioco di qualsiasi governo? Ho assistito di recente ad una scena surreale,almeno dal mio punto di vista. Ero in auto e percorrevo la via Variante che collega Aversa a Caserta. Un automobilista davanti a me con altre tre persone a bordo ha aperto il finestrino e ha rovesciato per strada un intero avanzo di cena con lattine di coca cola e buste di ogni genere. Incurante di chi lo precedeva e chi gli stava dietro come me. Scene del genere purtroppo non sono isolate, la questione è davvero quotidiana. Ora la mia domanda è la seguente: le persone che parlano di una politica ormai superata, lo sanno che il problema non è la sinistra o la destra, non è Prodi nè Berlusconi, nè Cristo sceso in terra. Se non la si smette di dire: "io non c'ero, io non lo so, il nano, il gigante, il pdl o il pd", non si centra il bersaglio. E' come parlare dell'Iraq. Non c'è democrazia che tenga. Possono impegnarsi americani, francesi, tedeschi, possono succedersi dittatori efferati e luminari di libertà e progresso. Ma restano territori difficili perchè difficile è il processo di civilizzazione di certi popoli al di là della loro innegabile diversità culturale tutta da rispettare.Purtroppo ad Aversa e dintorni questo processo è a zero. Bisogna dirselo a muso duro da oggi se si vuole sperare in un domani.Altro che politica spicciola e ormai demodè.

Anonimo ha detto...

vedo che i bravi cittadini campani hanno finalmente capito che la diffrenziata non serve a niente, tanto ci sono i militari che gli puliscono anche il culo